Georges Simenon nasce a Liegi il 13 febbraio del 1903 da padre contabile e madre casalinga. Nel corso della sua giovinezza frequenta scuole di matrice gesuita con un eccellente rendimento scolastico, ma presto si ribella alle restrizioni imposte dall’Istituto e con gli anni si distacca completamente dalla religione. Tra il 1919 e il 1922 lavora come cronista per “La Gazette de Liège”. Collabora inoltre con altre riviste e inizia giovanissimo la sua carriera di scrittore. Dopo la morte del padre lascia il Belgio e si trasferisce a Parigi. Qui collabora con numerose riviste ove scrive, settimanalmente, racconti che riscuotono un grande successo. Sono gli anni compresi tra il 1923 e il 1926. Le sue simpatie per i nazisti lo costringono ad affrontare una sorta d’esilio nel 1944-45 alle Sables-d’Olonne. Quindi va a vivere negli Stati Uniti. Negli anni Cinquanta torna in Europa; soggiorna prima in Costa Azzurra poi in Svizzera. Georges Simenon muore il 4 settembre 1989 a Losanna. La sua produzione letteraria comprende cinquecento romanzi, settantacinque inchieste del commissario Maigret e ventotto racconti. Si consiglia di consultare la pagina Adelphi per il catalogo dell’autore.