Nella stanza adusta
di ripensamenti
– questa debole vita che si lagna* –
gialla è la tua voce.

T.R.

*Verso tratto da Mediterraneo di Eugenio Montale in "Ossi di seppia 1920-1927"