Per Henry, umano è chi beve, dimentica, è irresponsabile, infedele, soggetto all’errore. Per me invece umano è colui che è cosciente dei sentimenti di altri esseri umani.

(“Il diario” – Anaïs Nin)